giovedì 16 maggio 2013

Diario di viaggio:giorno 6 (parte seconda)

Rieccomi quì,dopo la bella mattinata al mare la meta del pomeriggio è la città di Hiroshima che è tristemente famosa per lo sgancio della bomba atomica il 6 agosto 1945 che causò la morte di 140 mila persone all'istante,e tante altre dopo fino ai giorni nostri.Dopo questa catastrofe la città piano piano è stata tutta ricostruita ed è davvero una bella città,piena di fiumi che la attraversano.Della città prima della bomba è rimasto solo il rudere di questo edificio che è stato l'unico  rimanere in piedi.
Quì ci hanno portato a vedere il museo della pace dove ci sono oltre ai filmati dell'epoca tanti oggetti e foto a tesimonianza dell'atrocità di quanto successo.Non voglio farvele vedere perchè sono veramente tristi,però vi racconterò la storia di Sadako.Sadako era una bambina di 11 anni che dopo la bomba fu una delle prime ad ammalarsi di leucemia causata dalle radiazioni.Quando era ricoverata in ospedale incominciò a fare le gru di carta con la tecnica dell'origami perchè si diceva che chi fosse riuscito a fare 1000 gru di carta avrebbe potuto esprimere un desiderio.Sperava così di poter guarire.Si dice che realizzo circa 1300 con qualsiasi carta le capitasse a disposizione.Come potete immaginare lei morì lo stesso ma da allora la gru di carta è diventata simbolo di pace.A lei fu dedicata una statua nel parco della pace e ogni anno migliaia di persone da tutto il monda portano le loro gru di carta in suo onore.
Ecco delle "catene" fatte di gru
Mi è capitata la fortuna di vedere un anziano signore in chimono,era in una panchina del parco che faceva le gru.Mi ha visto che lo osservavo da lontano e quando l'ha finita mi ha chiamato e me l'ha regalata.Avrei dovuto donarla a Sadako,ma sono stata talmente felice che me l'abbia data che me la sono portata a casa.

Una veduta del parco della pace.Quello che c'è in fondo è il museo.
Hiroshima mi è sembrata una città dove hanno particolare simpatia per gli italiani,e infatti questa è stata l'unica città dove abbiamo trovato cartine e volantini informativi anche in italiano!
Il cibo tipico di quì è l'okonomiyaki,e ovviamente a cena l'abbiamo mangiato e siamo andati in un edificio dove c'erano solo ristoranti di okonomiyaki.Era molto buffo,è come se in italia ci fosse un palazzo con dentro 30 pizzerie tutte una attaccate alle altre!!Ovviamente i ristoranti non sono grandi,assomigliano a dei bar,con solo il bancome e 6 o 7 posti a sedere.
Questa era la scalinata d'ingresso,ovviamente è sempre tutto come un cartone in giappone!!
Gli okonomiyaki sono abbastanza buoni,vengono fatti su una piastra al momento ed è una specie di impasto di farina e verdure che si puà farcire a piacemento con carne o pesce e alla fine sopra ci mettono pure un uovo.Per intenderci (per chi se lo ricorda) erano quelli che preparava Marrabbio nel cartone Kiss me Licia.
O per chi è più giovane e leggeva o guardava Ranma1/2 quelli che faceva Ukyo
Il viaggi stà per finire,manca solo l'ultimo giorno.Intanto voglio ringraziare tutti quelli che hanno letto e commentato questi post,i vostri commenti mi hanno fatto un'immenso piacere!!
Grazie a tutte/i!

19 commenti:

  1. E' sempre molto bello leggere e vedere le foto del tuo diario di viaggio......spettacolare!!!!!!
    Ciao da Na'

    RispondiElimina
  2. Molto belle le tue foto, e leggere il tuo diario mi ha fatto fare un bel viaggio con la fantasia, grazie per averle condivise con noi <3
    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  3. Bellissimo racconto Francesca, la storia della bambina mi ha commosso. Un bacione Susy

    RispondiElimina
  4. che bella la storia della bambina, hai fatto bene a ricordarla

    RispondiElimina
  5. Cara Francesca, che racconti bellissimi ci stai raccontando.
    Le foto sono bellissime, credo che non dimenticherai mai questo bellissimo viaggio.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Arrivo solo adesso a leggere del tuo viaggio... Ho sviluppato una piccola passione per il Giappone solo da un paio d'anni! Vado a sbirciare le altre puntate!

    RispondiElimina
  7. Che storia commovente e bellissima quella di Sadako!
    Che peccato che siamo giunti quasi alla fine di questo reportage che tanto mi è piaciuto. Il Giappone è assolutamente da visitare!
    Aspetto l'ultima puntata allora!

    RispondiElimina
  8. Una città tristemente nota che appare davvero stupenda. Hai così tanti bei ricordi con te, davvero un viaggio fantastico!

    RispondiElimina
  9. Ho guardato Ranma con mia figlia qualche annetto fa... forte sapere finalmente il nome di quel che si vedeva sempre cucinare nel cartone!Bel post!
    Buon venerdì.

    RispondiElimina
  10. bello bello.
    Ecco cosa cucinava Marrabbio.

    RispondiElimina
  11. grazie a te per queste meraviglie che ci fai vedere e che ci spieghi.
    Un pò è come se fossi venuta con te.
    Baci

    RispondiElimina
  12. Cara amica ma lo sai che i bambini delle scuole di Piacenza ogni anno fanno tantissime di quelle gru di carta da inviare in Giappone? ora capisco il perchè grazie al tuo post, non sapevo che fosse tutto nato da lì!!!!! bello aver scoperto questa cosa cosi come le altre che hai ben illustrato , è stato molto bello il tuo reportage , come già ti dissi. allora aspetto l ultima puntata!!! :-) ricordati che martedi saremo in radio è?? ;-)

    RispondiElimina
  13. Grazie davvero per queste splendide foto!
    Spero un giorno di poterci andare anche io. Chissà....

    Certo che me lo ricordo Marrabbio!
    E anche Ranma :D

    Bellissime le Gru!

    RispondiElimina
  14. bellissime queste impressioni di viaggio e magnifico il Giappone!

    RispondiElimina
  15. Non è certo come andarci in prima persona ma hai fatto foto e narrato emozioni e descrizioni che un pò è sembrato di esserci fisicamente

    RispondiElimina
  16. Fantastico, semplicemente fantastico!
    Questo resoconto è davvero bellissimo, in particolar modo la storia di Sadako e delle gru desta davvero tante emozioni.
    Manca un'ultima tappa e un po' già sento la mancanza di questi racconti suggestivi che mi hanno fatto sognare tanto.
    Quando guardo il delizioso blocchetto di carta giapponese che mi hai mandato provo sempre l'euforia della prima volta che l'ho avuto tra le mani. Ti ringrazio ancora una volta per il delizioso e graditissimo pensiero.

    RispondiElimina
  17. Conoscevo anche io la storia delle gru..povera Sadako :(
    il tuo diario di viaggio sta già per terminare? noooo ormai mi ero abituata a leggere le vostre avventure giapponesi uff :P

    RispondiElimina
  18. Sto divorando il viaggio tutto d'un fiato!

    RispondiElimina